logo
via Burlamacchi, 1
20135 MILANO
+39.02.5457373
mail
Billionaires
Allestimento - Billionaires - Angelo Sarleti


Billionaires
Angelo Sarleti

a cura di Katia Anguelova

Con Billionaires, giovedi' 28 maggio si apre la seconda mostra personale del giovane artista Angelo Sarleti presso la Galleria ARTRA di Milano. A distanza di tre anni dalla sua prima mostra personale, l'artista ritorna ora con un progetto ambizioso. Se oggi la potenza economica che trascina l'occidente avesse un nome e volesse essere celebrata come nel Rinascimento, da scene di battaglie, con canti su gesta eroiche, oggi questo modo di rappresentarla potrebbe riconoscersi nei -ritratti infografici-- dipinti ad olio da Angelo Sarleti.

leggi tutto ...

Non piu' nei volti ci sembra di scorgere la ferrea volontà, la determinazione vittoriosa, il successo e la storia, ma nelle forme grafiche che cercano di organizzare e rappresentare dati e informazioni, traduzione in forme intuitive i resoconti statistici. Angelo Sarleti prende spunto da una disciplina recente come l' infografica, che passa dalle tavole di Charles Minard della metà dell' ottocento, fino ad Edward Tufte (descritto dal The New York Times come -The da Vinci of Date-) e la grafica digitale, per realizzare Billionaires, pitture che utilizzano i veri parametri statistici e la loro traduzione in grafica divulgativa. Fra questi anche il database del fondo monetario internazionale e la definizione dei colori del test dello psichiatra tedesco Max Lüscher, usato nella selezione del personale nelle maggiori multinazionali.

Sempre ossessivo nella sua ricerca, in questa occasione la società contemporanea e' indagata attraverso i personaggi che la formano con i loro nomi e la loro ricchezza - sedici quadri che rappresentano rispettivamente la suddivisione del mondo in agglomerati economici, America del Sud, America del Nord, Europa, Africa, Medio Oriente, Asia, Oceania, e Russia, suddivisi in 2 categorie: nella prima si leggono i nomi dei personaggi piu' ricchi del momento come William Gates III e Warren Buffett per l'America del Nord; Anacleto Angelini e Gustavo Cisneros per l'America del Sud; Ingvar Kamprad e Lakshmi Mittal per l'Europa e cosi via (informazioni tratte dalla rivista Forbes del febbraio 2007); nella seconda i capitali posseduti dai personaggi in questione. Tutto questo utilizzando le tabelle di Max Lüscher, con i rispettivi otto colori, scelti per i suoi particolari significati psicologici e fisiologici e per la loro -struttura-.

In questo modo Angelo Sarleti descrive il processo di incorporazione di molte dimensioni di informazione, in un immagine bidimensionale che potrebbe essere chiamata, sempre con l'espressione di Edward Tufte, -escaping flatland-. Se in una prima fase, i lavori video offrono una riflessione sulla sorveglianza ed il voyeurismo, nei lavori piu' recenti, Sarleti si pone come intermediario di senso fra la statistica, l'infografica, gli archivi e il gesto del dipingere. Un pittore nel paesaggio ha bisogno di conoscere quello che vede, l'atteggiamento e' identico nei secoli, che il paesaggio informativo sia botanico o statistico, che la veduta sia cavalleresca o infografica, quel che compete ad un artista resta lo stesso - conoscere quello che rappresenta.

28 maggio - 09 settembre 2009

Allestimento - Billionaires - Angelo Sarleti
Allestimento - Billionaires - Angelo Sarleti
Primary Mountain - video loop - 2008 - Billionaires - Angelo Sarleti
aracme - neon - 2008 - Billionaires - Angelo Sarleti