logo
via Burlamacchi, 1
20135 MILANO
+39.02.5457373
mail

Claudio Olivieri

a cura di

Lunedì 2 febbraio 2009 la galleria ARTRA di Milano inaugura un’ampia personale di Claudio Olivieri.

In un percorso articolato ed esaustivo l’artista raccoglie dipinti di grande formato eseguiti tra il 2005 e il 2009 che permettono di comprendere appieno i tratti distintivi della sua ultima ricerca accanto a un’opera mai esposta prima eseguita nel 1974.

 

leggi tutto ...

Nei suoi lavori, che trasformano lo spazio da sfondo della rappresentazione a soggetto, l’artista cattura il carattere diafano della realtà, la sua impalpabilità, la sua tendenza a darsi solo per frammenti e per subitanee apparizioni che poi si perdono, come fossero echi della memoria. La pittura, del resto, è per lui “avvenimento continuo e avventura dello sguardo”. Come si constata osservando i quadri esposti in questa personale, gli elementi peculiari della sua ricerca sono la luce e il colore che si mescolano in palpitanti e liriche alchimie in grado di trasmettere la volontà, espressa da Olivieri in una nota autobiografica, di “cercare un ‘al di là’, un ulteriore e diverso orizzonte in cui il vedere fondesse se stesso e la propria possibilità”, raccogliendo in modo del tutto personale l’eredità “spirituale” di Lucio Fontana.

Figura di spicco nell’ambito della Pittura Analitica Claudio Olivieri, nato a Roma nel 1934, si trasferisce a Milano nel 1953 dove frequenta l’Accademia di Belle arti di Brera. Formatosi nell’ambito della sperimentazione informale si afferma portando avanti per decenni un’indagine pittorica coerente e dinamica, motivato da “un’incontenibilità che a volte si fa aggressiva”.

Olivieri, oltre ad aver esposto i propri lavori in importanti spazi pubblici e privati in Italia e all’estero, annovera nel suo curriculum anche la partecipazione a Documenta, Kassel (1977) e alla Biennale di Venezia, dove è stato invitato nel 1966 per poi tornare, con opere e sale personali, nelle edizioni del 1980, 1986 e 1990.

2 febbraio - 24 marzo 2009