logo
via Burlamacchi, 1
20135 MILANO
+39.02.5457373
mail
Turn Over
turn over

vista della mostra
galleria artra

Turn Over

a cura di Marco Scotini

Reduce dalle trattative per contendere l'affitto annuale di Guantanamo agli Stati Uniti presso il Centre Culturel Suisse di Parigi, Gianni Motti approda ora a Milano con una nuova 'iniziativa' a sorpresa. Essere 'nel luogo sbagliato al momento giusto' e' la strategia che informa ogni suo progetto per cui recentemente lo abbiamo visto alla televisione francese, incappucciato e legato alla maniera dei prigionieri iracheni, nelle gradinate del Roland-Garros.
Gianni Motti e' sicuramente un autore politico per costituzione, se con questo termine si indica chi si caratterizza per la partecipazione alla vita sociale e alla sfera pubblica. Dietro il gioco irriverente e le situazioni assurde che, ogni volta, si diverte a provocare, la pratica artistica di Motti e' precisa: esatta. Sia che rivendichi, alla maniera dei terroristi, un terremoto a Los Angeles, sia che inviti ad assistere alla caduta di meteoriti o ad un'eclissi lunare, la sua attitudine e' quella che, piu' di ogni altra, si qualifica politicamente

leggi tutto ...

Non c'e' nulla di naturale: tutto e' sociale. Motti non produce, non teorizza ma presuppone e, ogni volta, ripristina uno spazio pubblico, le condizioni di uno spazio sociale. Se cio' non fosse, il suo provocare disturbo negli eventi, sarebbe puramente cinico e spettacolare. Al contrario Motti o, meglio, la sua pratica di abusivismo permanente (i suoi eventi pubblici readymade) indicano un metodo, danno forma ad una condotta, creano opposizione e resistenza.
Ecco che per questa occasione milanese lo vediamo annunciato da un flyer natalizio, con gli auguri per l'anno nuovo, anche se c'e' una piccola anomalia: il font e' arabo!.

10 ottobre - 20 dicembre 2003