logo
via Burlamacchi, 1
20135 MILANO
+39.02.5457373
mail
Un Tiro a Todos Los Diablos
Exercise in Self Protection

photography, 2003
125 x 185 cm

Un Tiro a Todos Los Diablos
Alejandro Vidal

a cura di Marco Scotini

 

Giovedì 3 giugno la Galleria Artra di Milano inaugura Un tiro a todos los diablos, un nuovo appuntamento con un esponente dell’ultima generazione artistica spagnola, Alejandro Vidal (Palma de Mallorca,1972) alla sua prima personale italiana.
Attento indagatore dello “stato di sicurezza” attuale e dei codici del terrore in un ordine sociale come quello globale, Alejandro Vidal mette in scena forme ordinarie di odio e violenza della tribù urbana, richiamandosi ai precedenti modi della controcultura e alle memorie delle band elettro-punk di fine anni Settanta.

Giovedì 3 giugno la Galleria Artra di Milano inaugura Un tiro a todos los diablos, un nuovo appuntamento con un esponente dell’ultima generazione artistica spagnola, Alejandro Vidal (Palma de Mallorca,1972) alla sua prima personale italiana.

Attento indagatore dello “stato di sicurezza” attuale e dei codici del terrore in un ordine sociale come quello globale, Alejandro Vidal mette in scena forme ordinarie di odio e violenza della tribù urbana, richiamandosi ai precedenti modi della controcultura e alle memorie delle band elettro-punk di fine anni Settanta.

 

leggi tutto ...

 

“L’estetica che precede la violenza” - sono parole di Vidal - è l’oggetto dei suoi video, delle foto, dei disegni e dei set installativi temporanei che gli consentono di spostare i margini di alcuni grandi temi, come quello del terrore, oltre i discorsi della morale entro cui normalmente è imprigionato.
La lotta di tre giovani accanto ad una scala mobile in un parco urbano, le cicatrici riportate sul torso nudo di un altro giovane con il volto coperto da balaclava, felpe, t-shirts e le immancabili sneakers. O ancora un uomo anziano che pratica il pugilato come allenamento quotidiano, sputafuoco messicani, musica trash metal, elettro punk dei Pinochet Boys, emissioni radio su scontri per droga, le ferite degli attivisti no global, sono alcuni esempi del campionario Vidal.
Ma non si tratta di mettere in atto alcuna presa diretta sul reale, piuttosto l’attitudine di Vidal fa ricorso alla staged-photography, crea una distanza critica ed estraniante, mette in scena una sorta di congelato teatro brechtiano, in cui ogni dettaglio è stato attentamente calcolato.
Si tratta di set ambigui come quelli dei video “The nature of the threat” o “Un tiro a todos los diablos”, in cui la violenza è colta allo stato latente e più forte è la condizione del sospetto o della minaccia. In “Exercises in self protection” (2003) ad esempio, tre uomini che sono colti da un obiettivo fotografico durante uno scontro, simulano invece delle pose basate su manuali di autodifesa di arti marziali.
Per la Galleria Artra Alejandro Vidal ha concepito un ambiente completamente nero e con luci alogene. All’interno disegni, stickers, fotocopie, video, fotografie, stereo anni ’70 e per terra buste di latte, sacchi a pelo, tubi di plastica, imbuti e taniche per benzina con diretto riferimento all’hang-out delle subculture urbane: covo simbolico da cui improvvisamente e inaspettatamente qualcosa potrebbe esplodere.

“L’estetica che precede la violenza” - sono parole di Vidal - è l’oggetto dei suoi video, delle foto, dei disegni e dei set installativi temporanei che gli consentono di spostare i margini di alcuni grandi temi, come quello del terrore, oltre i discorsi della morale entro cui normalmente è imprigionato.

La lotta di tre giovani accanto ad una scala mobile in un parco urbano, le cicatrici riportate sul torso nudo di un altro giovane con il volto coperto da balaclava, felpe, t-shirts e le immancabili sneakers. O ancora un uomo anziano che pratica il pugilato come allenamento quotidiano, sputafuoco messicani, musica trash metal, elettro punk dei Pinochet Boys, emissioni radio su scontri per droga, le ferite degli attivisti no global, sono alcuni esempi del campionario Vidal.

Ma non si tratta di mettere in atto alcuna presa diretta sul reale, piuttosto l’attitudine di Vidal fa ricorso alla staged-photography, crea una distanza critica ed estraniante, mette in scena una sorta di congelato teatro brechtiano, in cui ogni dettaglio è stato attentamente calcolato.

Si tratta di set ambigui come quelli dei video “The nature of the threat” o “Un tiro a todos los diablos”, in cui la violenza è colta allo stato latente e più forte è la condizione del sospetto o della minaccia. In “Exercises in self protection” (2003) ad esempio, tre uomini che sono colti da un obiettivo fotografico durante uno scontro, simulano invece delle pose basate su manuali di autodifesa di arti marziali.

Per la Galleria Artra Alejandro Vidal ha concepito un ambiente completamente nero e con luci alogene. All’interno disegni, stickers, fotocopie, video, fotografie, stereo anni ’70 e per terra buste di latte, sacchi a pelo, tubi di plastica, imbuti e taniche per benzina con diretto riferimento all’hang-out delle subculture urbane: covo simbolico da cui improvvisamente e inaspettatamente qualcosa potrebbe esplodere.

 

03 giugno - 10 settembre 2004

Exercise in Self Protection - Alejandro Vidal
In the Company of the Enemies - Alejandro Vidal